BUON PENSIERO _ BUON AZIONE _ BUON DISCORSO
                                                                 Questo è il grande messaggio dell’uomo della storia Iraniana, Ciro il Grande

 

Uno degli sforzi costanti degli persiani è stato quello di compilare una cronologia che sia massimamente compatibile con il tempo naturale e il periodo degli eventi astronomici. Questo sforzo ha portato alla creazione e al funzionamento di molti e vari sistemi cronologici, che è stato finalmente raggiunto compilando e adeguando l’annuario temperato iraniano alla massima precisione possibile per far corrispondere la cronologia contrattuale con l’anno naturale.

 

Oggi questo calendario è ancora conosciuto come il calendario più accurato della storia umana, è improbabile che un popolo o una civiltà tanto quanto gli iraniani abbiano studiato e ricercato così tanto nel calendario più in armonia con il tempo astronomico reale ed è uno dei calendario più accurati basati sui movimenti naturali della terra.

 

Il primo giorno di primavera, il sole raggiunge il suo equilibrio, sorgendo e tramontando esattamente ad est. Questa volta è chiamato equinozio di primavera e quando il sole è all’equinozio di primavera, gli equinozi vengono creati ovunque sulla terra, la durata del giorno e della notte sono uguali e la temperatura è equilibrata ovunque. Questo è il momento in cui inizia il nuovo movimento della terra attorno al sole. Il primo mese dell’anno nel calendario iraniano è chiamato “Farvardin” che coincide con il 20 marzo.

 

 

 

Perché ogni 4 anni e talvolta 5 anni è un anno bisestile?
L’anno bisestile è il numero di giorni in un calendario che viene aggiunto ai giorni dello stesso anno per una frazione dell’importo dell’anno. Ogni giorno che è considerato 24 ore, non è preciso ed è 4 minuti in meno, cioè 23 ore e 56 minuti. Per avere un calendario, consideriamo 24 ore ogni giorno e ogni notte e sommando i 4 minuti di ogni giorno viene aggiunto un giorno ogni 4 anni, che chiamiamo anno bisestile. Ogni orbita terreste è di 23 ore e 56 minuti, che consideriamo 24 ore e d’altra parte un anno è di 365 giorni, mentre ogni anno è calcolato come 365 giorni e 6 ore, se queste 6 ore non vengono prese in considerazione, il tempo del calendario è ingombra e il tempo di consegna dell’anno cambia. In passato queste 6 ore non erano importanti e non esisteva un anno bisestile, ma dopo molti anni il calendario venne stravolto e per gli iraniani fu spostato al primo giorno di primavera quindi una volta ogni 4 anni con per un totale di 6 ore, un giorno e una notte è stato aggiunto il 20 marzo e quell’anno è di 366 giorni ed è annunciato come anno bisestile. A volte l’anno bisestile si verifica una volta ogni 5 anni invece di 4 anni. Ci sono due regole per spiegare: se il tempo di consegna dell’anno è compreso tra il 365 pomeriggio o il 366 giorno dell’anno prima di mezzogiorno, il 366 giorno è dichiarato Nowruz e l’anno finito è normale se il tempo di consegna dell’anno è il 366 giorno dell’anno nel pomeriggio è il giorno 367, Nowruz e l’anno è finito. Calcolando il tempo di consegna dell’anno e l’effettivo momento di mezzogiorno che si basa sul meridiano ufficiale dell’Iran, determina la base per essere un anno bisestile e raramente una volta ogni 5 anni può verificarsi un anno bisestile.

Ora che vi abbiamo introdotto al calendario solare, nelle prossime sezioni descriveremo le antiche celebrazioni primaverili che si chiama Nowruz.
Nuowruz significa nuovo giorno

Nowruz è una delle feste nazionali in Iran e altri paesi. Nelle iscrizioni lasciate dal periodo achemenide non vi è alcun riferimento diretto alla celebrazione di Nowruz, ma gli studi su queste iscrizioni mostrano che gli Achemenidi avevano familiarità con le celebrazioni del Nowruz. Alcuni credono che Ciro il Grande dichiarò Nowruz festa nazionale nel 538 A.C  giorno in cui realizzò piani per reclutare soldati, ripulire luoghi pubblici e case private e perdonare i detenuti. Secondo questo, questi rituali venivano eseguiti anche al tempo di altri re achemenidi. Si dice che durante il regno di Dario I, le cerimonie di Nowruz si tenessero a Persepoli e le celebrazioni fossero celebrate in modo glorioso, era l’anno 416 BC.

 

Questa mappa, mostra la portata di Nowruz:
Afghanistan _ Albania _Armenia (dagli iraniani di origine armena) _Azerbaigian _Bangladesh _ Cina (dai tagiki cinesi) _ USA (Georgia da azeri e iraniani) _India (dai persiani) _ Iraq (di turkmeni iracheni e kurdi) _Kazakistan _Kosovo _Kirghizistan _Macedonia del nord _Mongolia _Pakistan _Russia _ Siria(dai kurdi) _Tagikistan _Turchia _Turkmenistan _Ucraina _Uzbekistan

 

La cerimonia di Nowruz consiste in una serie di celebrazione e occasioni. Dalle usanze di Nowruz, che iniziano due settimana prima della primavera, possiamo citare lo scuotimento della casa e il rinverdimento del verde. Per accogliere la primavera, gli iraniani iniziano prima dalla loro casa e spolverano, lavano e puliscono tutti i mobili. Donano molti oggetti e in un certo senso danno al loro ambiente di vita un senso di purezza e freschezza primaverile. Questo si chiama “khanehtakani”

_ La seconda cosa da fare due settimane prima della festa è mettere nell’acqua i grani come lenticchie o grano per far crescere in casa. Gli antichi iraniani lo consideravano un simbolo di crescita. Le piante dopo 13 giorni vengono portate nella natura. La cultura si preserva l’apprezzamento della terra e il mantenimento della sua salute.

 

Il periodo delle celebrazioni del Nowruz inizia con la festa “Chaharshanbehsuri” chiamata la celebrazione del fuoco. Questa festa è uno degli antichi rituali iraniane che si tiene dalla sera dell’ultimo Martedì di inverno, si organizza al aperto accendendo fuochi,saltando sopra il fuoco recitando la poesia “ il mio giallo è da te, il tuo rosso è da me” con un intento augurale di iniziare il nuovo anno con felicità e vitalità lascando alle spalle le preoccupazioni e le malattie dell’anno passato.

 

 

Infine è tempo per la celebrazione principale della Nowruz. Il primo giorno dell’anno solare iraniano uguale al primo giorno di primavera. I membri della famiglia si riuniscono e viene allestita la tavola “Haft Sin” e questa tavola non viene raccolta per tredici giorni, ma viene mangiata dal cibo all’interno della tavola e nuovamente sostituita.

 

 

I regali vengono dati a Nowruz, le persone indossano abiti nuovi.
I membri della famiglia visitano gli anziani e la cena di questa celebrazione è riso con verdure profumate e pesce.
nelle prossime sezioni descriveremo il significato e le simbologie “Haft Sin”

 

Una delle usanze più importanti della festa Nowruz è quella di allestire la tavola “Haft Sin” di solito i membri della famiglia si siedono accanto ad essa durante il volgere dell’anno che comprende una raccolta di sette cose simboliche il cui nome inizia con la lettera “Sin” nella lingua persiana (s),  mele, olmo, sommacco, aglio, aceto, verdure(semi di grano e simili sono già stati piantati su un piatto) monete, samanu e giacinto. Come è consuetudine, altre cose vengono poste sul tavolo per completare i significati sprituali e simbolici, sul tavolo di “Haft Sin” sono posti lo specchio, il libro Shahnameh, le candele,l’uova colorate, fiori ,dolci. Haft Sin di solito rimane nelle case fino alla tredicesimo giorno del nuovo anno ( l’ultima festa primaverile) che si chama “Sisdah be dar, la tavola viene rimossa e l’erba viene piantata nel terreno.



La pianta è simbolo di rinascità, il verde è uno dei colori rilassanti e vederlo al centro del tavolo rende l’anima leggera e allegra.

 

 

 Le mele nella credenza di molte persone e nei miti antichi, rappresentano la bellezza e salute. Infatti mettendo le mele, la famiglia cerca di evitare danni e morsi. Poiché i nonni sono sempre preoccupatiper la salute dei figli e nipoti è consuetudine che i nonni mettano le mele in tavola.

 

 

_Ci sono diversi significati per Samanu (Samanu è una pasta frolla a base di germe di grano); si dice che Samanu sia simbolo di benedizione e abbondanza e la sua presenza in tavola garantisca un anno ricco di bontà e benedeizioni. Inoltre, poiché il Samanu è un alimento nutriente ed è fatto con il grano è simbolo di potere.

 La moneta è uno dei componenti della tavola  Haft Sin di cui puoi facilmente indovinare il simbolo, è un simbolo di ricchezza e viene posta sul tavolo per avere un anno ricco di ricchezza e successo.

L’aglio è una pianta dalle molte proprietà che viene utilizzata anche come medicinale. D’altra parte l’aglio ha anche proprietà antisettiche e il suo utilizzo è consigliato per prevenire le malattie. Uno dei motivi per mettere l’aglio in tavola è per le sue proprietà medicinali per portare salute. Inoltre l’aglio è anche considerato un simbolo della natura e la sua presenza sulla tavola di Haft Sin è per ricordare alle persone la contentezza e l’avidità e non essere avidi di beni terreni.

L’aceto è un simbolo di pazienza in alcune fonti, potrebbe essere diventato famoso per il suo lungo processo. Oltre alla pazienza, l’aceto è anche un simbolo di sottomissione e soddisfazione. Nella letteratura iraniana l’aceto è conosciuto come simbolo di ansia e lacrime e la sua presenza al tavolo di Haft Sin è un ricordo delle difficoltà della vita e un invito ad accettare e ad essere pazienti di fronte alle difficoltà.


Il Giacinto è anche uno dei componenti più belli del tavolo  Haft Sin, questo bellissimo fiore è un simbolo della primavera e porta in tavola un angolo della bellezza della natura.

 


“Senjed” è conosciuto come un simbolo di saggezza e la sua presenza sul tavolo è un segno che tutti colore che fanno un patto con se stessi dovrebbero fare ogni cosa con prudenza e lavorare razionalmente all’inizio del nuovo anno. Alcuni credono che Senjed sia un coltivatore di poteri emotivi e quindi possa essere un simbolo dell’amore umano reciproco.

 

Sommacco che ricorda il rosso del sole all’alba è simbolo dell’alba e del ricominciare e invita l’uomo a un nuovo ed energico inizio.

 

La tavola Haft Sin ha altri componenti oltre alle cose che inizia con “S” che a volte vengono utilizzate per rendere la tavola più bella come: Lo specchio che è simbolo di luce, purezza e va posizionato sul tavolo. Uno dei motivi per mettere uno specchio sul tavolo di Haft Sin è iniziare e finire l’anno senza mentire.

L’uovo è un simbolo di rinascita, di solito si dipingono e decorano. La candela è simbolo di luce e luminosità e la sua presenza illumina il tavolo Haft Sin. In alcune famiglie è consuetudine mettere le candele nel candeliere in base al numero di bambini in casa. Shahnameh(un antico libro scritto da un famoso poeta iraniano Ferdowsi) è parte integrante della vita di persiani.


Dopo dodici giorni di festa primaverile  (in ricordo dei dodici mesi dell’anno) gli persiani celebrano l’ultima festa che si chiama “Sisdeh B dar (il tredicesimo giorno), non restano a casa, tengono una celebrazione finale trascorrendo la giornata in natura.

 

 

 

 

Condividi